Informazioni personali

La mia foto
Sono ancora vivo.... e questo mi basta.

sabato 24 marzo 2012

UK Labels

Lettera che accompagnava il catalogo della "Y Records" che per l' acquisto delle sue produzioni mi invitava a rivolgermi alla Rough Trade, cosa che ho fatto ottenendo il...
catalogo di cui questa era la copertina,  erano poche paginette ciclostilate  o fotocopiate


Scrissi alla Flicknife perchè pubblicava alcune cose di Mike Moorcock (scrittore di fantascienza che all' inizio della sua carriera aveva collaborato con gli Hawkind)

Strane richieste in videoteca 2

Quelli che.......

...... volevano un film nuovo di Bruce Lee (morto da più di dieci anni)

...... cercavano un bel film di "Boscaglia" (?!?) o, se proprio non c'era niente di boscaglia, un fil "di sommergibili"

..... non affittavano "Enrico V" (di Kenneth Branagh) perchè non avevano visto gli altri 4.....

..... affittavano solo i film della RCA, perchè la RCA è la RCA!!

..... affittavano i film in base alla durata!!!

.... noleggiavano i porno, ma se li facevano mettere nelle custodie dei cartoni animati
.... noleggiavano i porno, ma erano per il vicino di casa
.... noleggiavano i porno, ma erano per suo padre (avrei potuto capirlo da un ragazzino... ma non da un uomo di 50 anni il cui padre ne aveva 80.... mi suonava un po' strano)
.... noleggiavano i porno e non si vergognavano, anzi chiedevano ad alta voce per farsi sentire da tutti "Ma non c'è qualcosa con gli animali, o con donne grasse, o donne vecchie??"

.... affittavano "La calda bestia di Spilberg".... pensando che fosse un film di Steven Spielberg

...... ma non è ancora arrivato "Gosc"? (Che era poi "Gosth")

.... per mesi, quasi tutti i giorni, ti chiedevano un film che doveva ancora uscire.... e quando finalmente arrivava, non lo volevano più!

..... "Ma io l' ho già visto questo?" (A me lo chiedi?)

...... "Io cercavo quel film dove c'è uno che cerca una cosa.... che suo padre, che era morto.... ma prima l'aveva nascosta.... e c'era un pozzo, nella casa vicino dove abitava lei.... che poi si innamorano, ma lei muore..... e alla fine non era vero niente" (???!!!???)

..... nonostante tutti le chiamassero "cassette" continuava a chiedere se c'erano "bobine" nuove....

.... le signorine snob che cercavano i film francesi d' autore ma non conoscevano ne Truffaut ne Godard ma solo Louis Vuitton....

..... riportavano la cassetta dicendo "Ma non si vede niente!" ed era semplicemente perchè non l' avevano riavvolta.....

..... volevano una copia di un film (che non si poteva ma lo facevano tutti) e mi diceva "Me lo 'FILMA' questo.... che mi è piaciuto proprio tanto"


Torino, Palasport

Ecco il Palazzetto dello Sport di Torino come si presentava negli anni settanta.

Il Palasport era la sede di quasi tutti i grandi concerti che si tenevano in città, ed era il posto migliore dove organizzare un concerto rock, meglio degli stadi, che sono troppo grandi e..... se piove....., meglio dei teatri, dove sicuramente c'era una migliore acustica ma non ti potevi muovere, meglio delle sale da ballo e delle discoteche, dove molta gente andava per ballare e del concerto non gliene fregava niente....

Vista dall' alto del Parco Ruffini, col Palasport si vede il Campo di Calcio, anche questo usato per alcuni concerti (sicuramente Lou Reed), mentre, se non ricordo male, I Tubes e i Clash suonarono nel piazzale antistante.

venerdì 23 marzo 2012

Pista Ciclabile Sanremo 2011

Qualche foto anche dal presente
Ottobre 2011

La mia Cara Mogliettina Loredana a bordo di questo strano trabiccolo a pedali noleggiato per poter portare con noi anche la nostra "belva" Paco

Io e Paco

Settembre

A spasso in Bici

Minchia!!! Ma chi è sto anzianotto??

Beatles


I "Bitols" erano in quattro.
C'era "L' Uomo Più Fortunato del Mondo" che era Ringo Starr, batterista al cui posto poteva sedere un qualsiasi dilettante alle prime armi e nessuno se ne sarebbe accorto.
C'era "L' Uomo Più Sfortunato del Mondo" che era John Lennon, sappiamo tutti l'orribile destino che lo attendeva, ma la sua sfiga più grande fù quella di sposare Yoko Ono.
C'era "L' Uomo Più Bello del Mondo" che era Paul McCartney che oltre ad essere bello è diventato anche uno degli uomini più ricchi del mondo.
C'era "L' Uomo che arrivava sempre ultimo" che era George Harrison, se chiedete a chiunque chi erano i componenti dei Beatles la risposta è quasi sempre "Lennon, McCartney (o McCartney, Lennon), Ringo Starr e..... George Harrison arriva sempre ultimo!

Quando mi avvicinai al mondo del Rock ero molto più attratto dai "ragazzacci" tipo i Rolling Stones, piuttosto che dai "ragazzini puliti e sorridenti" alla Bitols che vedevo più vicini alla "musica leggera" che al rock e brani stupidotti come "Oblady, Oblada" e  zuccherosi come "Yesterday" non aiutavano certo ad orientarmi nella loro direzione.... e poi uno dei miei primi amori furono i Led Zeppelin che all' epoca mi sembravano di un altro pianeta rispetto ai Bitols.

Comunque pur non essendo un loro grande ammiratore (non ho mai comprato un loro disco) nei primi anni 90 (1991 o 92) mi sono comprato questo cofanetto che contiene tutta la loro produzione perchè in fondo i Bitols son sempre i Bitols.....


Ma il bello di tutta questa storia è che ad oggi 25 Luglio 2012 di tutti questi CD non ne ho ascoltato manco uno!!!!

Alcuni sono ancora incelofanati, gli altri sono aperti perchè li avevo prestati ad un amico.

giovedì 15 marzo 2012

Squallor



La prima volta che ho sentito "38 Luglio" ero a Laigueglia, estate 1972, al bar in un juke box, sulle note di una musica strappamutande (i classici "lentacci" da limonate furibonde) una voce roboante simile a quella che nei "prossimamente" cinematrografici enfatizzava i pregi del film (infatti l'inizio è proprio "La dove finisce il fiume..... inizia il film) racconta una delirante vicenda riguardante un elettrotecnico che seppe inventare la pila.... avendo da sempre una perniciosa attrazione per tutto ciò che è anomalo, bizzarro e fuori dal comune, non potei sottrarmi al demenziale fascino di questo stralunato brano.


L' anno successivo gli autori di questa meraviglia pubblicarono adirittura un LP con un titolo molto invitante: "Troia". Come resistere all' irrefrenabile impulso di appropriarsene? E così scoprii un altra perla come "Ti ho conosciuta in un clubs" (Clubs era pronunciato così com'è scritto e non "Clab") che rimane a tutt'oggi il mio pezzo preferito.
L' album conteneva altri piccoli capolavori di demenza surreale, e a volte persino dadaista, come "Indiani a Worlock" (sulle note del Dies Irae un altra sconvolgente ed improbabile storia d' amore), "Morire in Porsche" (Demenziale versione italiana di Sex Shop di Serge Gainsbourg), "La Risata Triste" e "Marcia K2" e naturalmente "Elena..... Troia..... Città mia!"

Ben 4 pezzi di questo LP entrarono a far parte del repertorio dei "Quarantotto al cubo" e toccò proprio a me l' onore di declamare con voce squillante le sconclusionate parole di "38 Luglio", "Ti Ho Conosciuta in un Clubs", "Troia" e "Marcia K2".


Nel 1974 esce il loro secondo LP,  anche questo con un titolo che la dice lunga: "Palle".
Qui trovano posto la mitica "Il Vangelo secondo Chinaglia" declamata con accento spagnoleggiante che termina con una improbabile radiocronaca di una partita di calcio, la sensuale "Veramon" in un francese molto aprrossimativo un ridicolo dialogo tra due amanti, il rifacimento del classico "Angeli Negri" (Torero.... ti voglio parlare), "Santanna" (c'è Santana... suona... vuole sorpassare!) e "Marcia Longa" una surreale cronaca in diretta a due voci che si sovrappongono e sparano micidiali cazzate.


Ma il loro capolavoro esce nel 1977 "Dopo i Beatles, i Pink Floyd e Orietta Berti nacquero gli Squallor, fenomeno di successo, fenomeno di cesso...... dove sono andati gli Squallor?
Sono andati in VACCA!"

Dopo una accurata biografia del gruppo "The Cow", i cui membri (Brian Kelvin, Terry Lilium, Banny Pepper, Baby Baby, Albert Boss e il keniota Checcabella) si sono tutti suicidati (uno di loro adirittura più volte) nei modi più assurdi, troviamo "Abat-Jour", quella della "Volante 1 a Volante 2, ne "L' alluvione" viene presentata un altra incredibile cronaca in diretta e poi forse la canzone più criptica di tutta la loro produzione "Il Gatto Vasellina".
Sul Lato B ci vengono propinati i lamenti e gli sforzi sovrumani di un vero "Gentleman" alle prese con una difficilissima seduta.... sul cesso (per dirla in modo più semplice.... uno che sta cagando), brano di una bellezza straordinaria!!!!
Segue "Piazza Sanretro", con chiaro riferimento a Piazza San Pietro, ci offre un "eccentrico" discorso papale imperniato sul gioco d'azzardo e il merchandising (Vinti lire 'na pall'e gomma, 30 lire 'nu pesce 'e gomma, palla e pesce 50 lire), "Testamento specifico" vede un signore con la "R" moscia (probabile riferimento a Gianni Agnelli) che detta il suo testamento al citofono.... con finale a sorpresa.
Chiude il disco "Terrestri" con Giove che lancia un terrificante monito all' umanità.
Giove, una garanzia per tutti!!!

Dopo "Vacca" per gli Squallor arrivò il vero successo con altri numerosi LP ed anche un paio di film, ma la loro comicità si involgarì molto e smisi di seguirli, non che mi desse fastidio la volgarità, semplicemente trovavo troppo facile far ridere a quel modo

sabato 10 marzo 2012

Vasco


Asti, 19 Settembre 1984

Non sono mai stato un fans del Blasco ma è arrivato ad Asti proprio nel momento in cui stava esplodendo in tutta Italia la "Vascomania", "Bollicine" era il tormentone del momento ed aveva appena avuto delle grane per storie di cocaina..... tutte queste cose messe insieme mi hanno spinto a recarmi fino ad Asti per vedere sto' fenomeno, eravamo un gruppetto di 7/8 persone e ricordo che abbiamo dovuto prendere due macchine...... non so per quale motivo ma per tutto il tragitto, quando passavamo in un centro abitato e c'era un po' di gente per strada, io mi sporgevo dal finestrino urlando ".... Perchè il vero Vasco ...... Sono iooooooooo!!!!"
Del concerto non ricordo praticamente nulla se non che, da buoni rocker, sul palco si agitavano tutti e ci "davano dentro" con impegno ed energia.
Dopo quella sera Vasco per me è tornato ad essere quello che era prima, un modesto rocker di periferia, non ho mai comprato un suo disco ed ho continuato a non interessarmi di lui. Ciao' Neh!!

Al concerto mi successe una cosa strana, non stavo proprio nel mezzo della ressa, ero in piedi leggermente in disparte, in quella zona dove la folla comincia a diradarsi e si crea un po' di spazio tra un gruppo e l' altro, non ero neanche così attento e rapito dal concerto ed ogni tanto parlottavo con mio cugino, vedo due ragazzini che mi guardano e complottano tra loro, si avvicinano timidamente ed uno dei due prende coraggio e mi dice "Scusa, per caso.... non è che hai un po' di fumo da vendere?"
Oh! Cazzo, mi avevano scambiato per un pusher!!!!

Strane richieste in Videoteca

Entra un rubicondo ragazzotto dal forte accento piemontese, punta dritto verso di me 
"Ma senti neh! ce li hai i film di Vudi Spender"
"Vudi chi??" domado io
"Ma siiiiii.... quello grosso che fa coppia con quello biondo e magro....... "mmericano" (sarebbe americano!!)  .... Terence (pronunciato come si scrive) Bill .... e che tirano cazzotti"

Terence Bill e Vudi Spender
Mentre gli facevo vedere i film di Bud Spencer e Terence Hill che avevo a noleggio mi scappa di dirgli che non erano americani, ma italianissimi....... dapprima esternò esagerate manifestazioni di stupore e incredulità.... e poi, se ne fece una ragione..... ma ci rimase malissimo, gli avevo distrutto un mito....
mogio, mogio osservò sconsolato le 4 o 5 cassette che gli avevo messo davanti, aveva l' aria di quello che poteva mettersi a piangere da un momento all' altro...... poi uscì a testa bassa, e da quel giorno non l'ho mai più rivisto!!