Informazioni personali

La mia foto
Sono ancora vivo.... e questo mi basta.

venerdì 27 luglio 2012

850


1972 - Cavagnolo - Cortile di casa mia
In posa col Nonno Mario e la Zia Gina.



La macchina alle nostre spalle è una Fiat 850, era la prima auto che ha avuto mio cugino Mario, ed è stata quella che ci ha permesso di iniziare a scorrazzare su e giù per le colline del Monferrato e tra le risaie del vercellese..... naturalmente aveva i sedili ribaltabili!

Lunedì Poker

Dovete sapere che a Cavagnolo, nostro piccolo paesello, pur essendoci ben 5 o 6 bar (a seconda del periodo storico), al lunedì erano tutti chiusi, così i giovani uomini del luogo restavano orfani del loro svago serale rischiando di cadere in profonda depressione.
Perchè dovete anche sapere che in un epoca in cui non c'era la Playstation, non c'erano i Computer e quindi neanche Internet, la TV aveva solo due canali e per di più era sotto il controllo dei genitori,
passare una serata in casa era una vera tragedia.
Ma come si suol dire "la necessità aguzza l' ingegno" e ci venne una grande idea e nacque così la grande tradizione del Poker del Lunedì.
Non si conosce una data precisa della nascita di questo rituale e nessuno ricorda con precisione chi furono i padri fondatori, comunque nasce nel cuore degli anni 70 ed andrà avanti per più di quarant' anni, nel corso del tempo abbiamo apportato migliorie e aggiunto manifestazioni collaterali, ad esempio alla fine degli anni 80, con l' avvento del videoregistratore, venne introdotta una simpatica usanza, alla fine della partita di poker, verso mezzanotte, proiezione di un film porno (il primo fu "Inside Desirèe Cousteau") con dibattito, commenti ed impressioni.
Le serate erano quasi sempre accompagnate da beveraggi vari, patatine e snack assortiti, torte e dolciumi, a volte cose più rustiche come "pane e salame", quando d' inverno accendevo il caminetto si cuocevano salamini e costine ed un paio di volte abbiamo fatto adirittura le caldarroste.
I frequentatori di questo fenomeno, nel corso degli anni, sono stati veramente molti, alcuni hanno frequentato per poco tempo o in modo saltuario, altri sono stati più assidui e duraturi nel tempo, c'erano sere che eravamo talmente numerosi da dover fare fino a tre tavoli di gioco, comunque di una cosa sono sicuro..... io c'ero sempre, perchè le riunioni si tenevano a casa mia!

Nel 1995 ho voluto dare una testimonianza fotografica ad una di quelle mitiche serate.

Notare il poster di "Quei Bravi Ragazzi" sullo sfondo 

Un intensa fase di gioco..... notare che avevamo anche un pubblico

"Quante ne vuoi?"

Passo o rilancio?

C' era anche la "Ragazza del Saloon" che sovente portava torte e dolciumi fatti con le sue manine....

Pozzoleo e Pitu Pitumpa.... sullo sfondo Puppo

Marco, il pokerista più professionale.... e Uccio che guarda e impara

Gio 

il Greg

Ric

giovedì 26 luglio 2012

De Niro??

"Certified Mail" è un porno girato a New York.
Nella sequenza iniziale la protagonista (la ragazza di spalle con la borsa a tracolla) incrocia per strada un passante che ha colpito la mia attenzione, lo sconosciuto newyorchese immortalato nel film assomiglia terribilmente al Travis Bickle impersonato da De Niro in Taxi Driver.
Stessa acconciatura alla moicana, stessa corporatura, abbigliamento molto simile e perfino l' andatura e il modo di muoversi....... probabilmente un caso, una strana coincidenza.
Riflettendo sulla cosa subito ho pensato ad una possibile citazione, ma il film in questione (secondo IMDB) è del 1974 (ma alcune fonti lo danno del 75) e Taxi Driver non era ancora uscito, quindi non può essere una citazione.
Facendo qualche ricerca su Internet Movie Database scopro che le location dei due film non sono molto lontane, dalla 13 Strada alla 22 strada,  circa una ventina di isolati.
Taxi Driver è uscito in America l' 8 Febbraio del 1976 quindi potrebbe essere stato girato nell' autunno/inverno tra il 1974 e il 1975, De Niro è notoriamente molto meticoloso nel preparare i suoi personaggi e si dice che abbia girato per le strade di New York alla giuda di un taxi per un mese prima delle riprese.........
e allora non potrebbe essere proprio De Niro mentre si reca sul set, già nei panni di Travis, per entrare meglio nel personaggio?







Certo che a New York c'è un sacco di gente e di tipi strani ne girano parecchi, ma anche se
 la sequenza è molto breve e purtroppo un po' sfuocata, la somiglianza è impressionante.

mercoledì 18 luglio 2012

Skarab Story part 7


The SKARAB
Baby don't you know the SKA / Michigan
Crystal Sound Records 1981
45 RPM - 7"

Alla fine di febbraio del 1981, dopo l' ultimo concerto a Torrazza, gli Skarab hanno esaurito la spinta dell' entusiasmo iniziale e, quasi per inerzia, terminano la loro attivita.
Però il Beppe vuole lasciare un segno tangibile del nostro breve passaggio sulla scena musicale e decide di produrre un 45 giri che rimanga ai posteri come testimonianza.




Il disco conteneva un inserto con i testi e i dati tecnici
(Cliccare sull' immagine per ingrandire)

Il testo vagamente "demenziale" di "Baby don't you know the ska" viene modificato e reso più serio.

martedì 10 luglio 2012

Cartoline d' autore



19 - 8 - 1981 - Da Osimo (Ancona) una delle prime opere di Riccardo Nervo





23 - 8 - 1991 da Aimargues (vicino ad Avignone) opera di Riccardo Nervo

Al Putent


Della serie "Azioni Assolutamente Inutili"

Questa "Azione Assolutamente Inutile" non era una mia creatura, 
l' "adorazione del Putent" era una "performance" messa in opera da un mio amico di Caluso con l' aiuto di alcuni suoi compari, io ho avuto il privilegio di poter partecipare al rito un paio di volte.

Si partiva la domenica mattina presto e si raggiungeva la ridente cittadina di Arona sul lago Maggiore,
arrivati sul piazzale antistante l' enorme statua si procedeva con l' adorazione del Putent,
Ci si inginocchiava davanti alla statua con le braccia rivolte al cielo, tutti in fila, e si proferiva la frase rituale "Oh Putent, Putent..... rend'mi deficient" (Oh Potente, Potente.... rendimi deficiente)
poi seguivano una serie di inchini reverenziali, un attimo di raccoglimento, si ripeteva l' invocazione e il rito era finito, il tutto davanti allo stupore degli altri turisti.

Io ho poi diffuso il culto del Putent presso i miei amici Paolo e Riccardo, 
non avendo troppa voglia di andare fino ad Arona ci accontentavamo di praticare
l' "adorazione del Putent" di fronte alla cartolina.

"Oh Putent, Putent..... rend'mi deficient"

venerdì 6 luglio 2012

La lancia di Achille

Altra stupidissima barzelletta, dello stesso tipo de "I due camionisti", anche questa poteva durare un eternità, la struttura è molto semplice: la si racconta come fosse una rappresentazione teatrale, una specie di tragedia simile alle rappresentazioni dell' antica Grecia.

Atto Primo
Entra la madre di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"
Atto Secondo
Entra il padre di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"
Atto Terzo
Entra la moglie di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"
Atto Quarto
Entra il cognato di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"
Atto Quinto
Entra il cugino di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"
Atto Sesto
Entra il miglior amico di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"
Atto Settimo
Entra il nonno di Achille e dice: "Oh sventura! Hanno rubato la lancia di Achille"

e si andava avanti con tutti i parenti e amici, vicini di casa, conoscenti etc etc
Si poteva anche cambiare di volta in volta l' esclamazione..... "Oh Giorno Infausto!", "Oh Sorte Funesta!", "Oh Triste Evento" etc etc.....
alla fine

Atto   ......esimo
Rientra la madre di Achille e dice: "Oh gaudio! Hanno ritrovato la lancia di Achille....... ma era senza ruote!"
Fine.

Questa però era meno richiesta.


I due camionisti

Quella dei due camionisti è una stupida barzelletta, una di quelle interminabili storielle che poi finiscono con una freddura, la si poteva dilatare quasi all' infinito stremando gli ascoltatori con dovizia di particolari.
Negli anni settanta era un mio cavallo di battaglia, un classico che nelle numerose cene, prima di intonare i cori da ubriachi, mi veniva richiesto con insistenza..... ormai la sapevano tutti a memoria, ma era diventato una specie di rito, senza la barzelletta dei camionisti sembrava che mancasse qualcosa.....

La storia è questa: Gino e Beppe sono due camionisti che devono affrontare un lungo viaggio insieme, Gino è un tipo dinamico e pieno di iniziativa mentre Beppe è un tipo tranquillo e pacato, uno di quelli, che per il quieto vivere, dice sempre di si.
I due partono da Torino e devono andare fino a Palermo (le località possono essere diverse, l'importante è che siano molto distanti) appena partiti Gino propone subito con entusiasmo una prima iniziativa:
"Beppe! Sa! Fumuma an sigaret?" (Beppe! Dai! Fumiamo una sigaretta)
Beppe lo guarda e pacatamente gli risponde: "Ma si..... fumuma an sigaret......"
Dopo pochi chilometri Gino è di nuovo impaziente di fare qualcosa e propone una seconda iniziativa:
"Sa! Mangiuma an panin?" (Dai! Mangiamo un panino)
"Ma si.... mangiuma an panin....."
Si fermano in un autogril nei pressi di Asti e si mangiano il panino, ripartiti Gino torna all' attaco:
"Sa! Piuma an cafè?" (Dai! Prendiamo un caffè?)
"Ma si.... piuma an cafè...."
Nuovo autogril, si prendono il caffè e ripartono..... ma Gino è una fonte inesauribile di iniziative e torna con una nuova proposta:
"Sa! Piumsi a'l cu?" (Dai! Ci prendiamo il culo?)
"Ma si.... piumsi a'l cu....."
Si fermano in una piazzola, diciamo vicino a Genova, e si prendono il culo......
Ripartono e dopo pochi chilometri Gino riprende l' iniziativa.....
"Sa! Fumuma an sigaret?"
"Ma si..... fumuma an sigaret......"
e ancora....
"Sa! Mangiuma an panin?"
"Ma si.... mangiuma an panin....."

"Sa! Piuma an cafè?"
"Ma si.... piuma an cafè...."

"Sa! Piumsi a'l cu?"
"Ma si.... piumsi a'l cu....."

Per non farla tanto lunga...... la cosa si ripete per tutto il viaggio, sempre la stessa sequenza:
Sigaretta, Panino, Caffè e ..... Culo
Sigaretta, Panino, Caffè e ..... Culo
Sigaretta, Panino, Caffè e ..... Culo
ad libidum.....

Quando decidete di farla finire, li fate arrivare a Palermo,
Escono dall' autostrada e Gino propone "Sa! fumuma an sigaret?"
"Ma si....... fumuma an sigaret"
Entrano in città
"Sa! Mangiuma an panin?"
"Ma si..... mangiuma an panin"
Arrivano a destinazione
"Sa! Piuma an cafè?"
"Ma si...... piuma an cafè"
Scendono dal camion
"Sa! Piumsi a'l cu?"
Beppe a questo punto si gira verso Gino, lo guarda con aria dubbiosa e gli dice:
"Scusa Gino se te lo dico, non ti offendere...... ma mi sa che tu sei un po' ricchione!!!"

Sinceramente non ho mai capito il perchè riscuotesse tanto successo.... forse era il modo in cui la raccontavo..... forse la strana successione degli eventi Sigaretta, Panino, Caffè e...... Culo!
O forse era perchè quando sei un po' ubriaco qualsiasi cosa ti dicono..... ti fa ridere!

Beh! Adesso ci fumiamo una sigaretta?

mercoledì 4 luglio 2012

An "Vinchinà" e n' alfa

Un Bicchiere di Vino Chinato


..... e un Alfa


Tutti i giorni, alle ore 13,30 da quando ho iniziato a lavorare nel bar fino alla sua chiusura nel 1972
Il "Netu", che abitava proprio di fianco a casa mia, entrava nel bar, era un anziano signore di umili origini, molto educato, timido e sempre sorridente, solitamente in pantofole raggiungeva a piccoli passi il bancone e faceva la sua ordinazione, che era sempre la stessa, estate ed inverno:
"An  vinchinà e n'alfa"
Stava in piedi, mentre sorseggiava il vino chinato e si fumava l' alfa mi metteva al corrente del tempo che faceva fuori, parlava lentamente e garbatamente, sorridendo, quando aveva finito, sempre sorridendo, chiedeva "Vari ca fa? (Quanto fa?)" ma aveva già i soldi contati pronti, perchè la cifra già la sapeva.... era sempre la stessa, però chiedeva, tutti i giorni, alle 13,40
Poi mentre si incamminava verso l'uscita mi diceva: "Beh! Adess i vag..... che se no la fumna an rus!" (Adesso vado.... che altrimenti la moglie mi sgrida)

Foto segnaletiche

                                                                                      












Cavagnolo - Estate 1997 - Casa mia in tarda ora notturna
Quando proprio hai esaurito tutte le risorse e non sai assolutamente cosa fare......

martedì 3 luglio 2012

Love Will Tear Us Apart


Settembre 1980 - Ristorante La Fontanina - Verrua Savoia
Pranzo di matrimonio del Beppe Vallesio

Io e Rick in versione "Gay Pride", alla mia destra la Maria
Eravamo semplicemente stupendi!!!!

Quello seduto con gli occhiali, che ci rovina un po' la foto ma fa comunque la sua bella figura,  non so chi è.....


I Quattro dell' Ave Maria 2


25 Settembre 1993 - Ristorante Canon D'Oro - Cocconato
Pranzo di matrimonio di Pitu Pitumpa

Da Sinistra a Destra: Spadino, Rick, Mefi.... e disteso Pitu Pitumpa
I Quattro dell' Ave Maria
Autori di una moltitudine di "Azioni Assolutamente Inutili" perpetrate in gruppo, ma anche ognuno per conto suo!!!!!

I Quattro dell' Ave Maria


30 Aprile 2000 - Ristorante Palter - Sulpiano di Verrua Savoia
Pranzo del mio matrimonio.

Da sinistra a destra: Spadino, Rick, Pitu Pitumpa, Mefi
I Quattro dell' Ave Maria
Autori di moltissime "Azioni Assolutamente Inutili"

Rick, ma dove cazzo l' hai presa sta cravatta???

No comment!!!